Cerca nel sito:

Dimensione carattere grande Dimensione carattere medio Dimensione carattere normale

La nostra storia

Le Suore di San Giuseppe di Pinerolo

8 novembre 1825: il vescovo di Pinerolo, Giuseppe Rey, proveniente dalla Diocesi di Chambéry, dove aveva sperimentato la generosa dedizione delle Suore di San Giuseppe a favore dei più poveri e bisognosi, accoglie e ospita ­per circa tre anni in Vescovado le prime tre suore della Congregazione di San Giuseppe di Pinerolo. Nel 1829 esse si trasferiscono nell'ex Convento di San Francesco che diventa la loro Casa Madre. Tra l'insediamento delle Suore di San Giuseppe in Pinerolo e l'intuizione iniziale della congregazione trascorrono due secoli.

L'origine di questa "nuova" famiglia religiosa risale al 1650 nella cittadina di Puy­ en­ Vélay per opera di padre J.P. Médaille, gesuita, missionario nelle campagne del Vélay e dell'Alvernia ove ebbe chiara l'intuizione di dare vita ad una forma di autentica, totale consacrazione religiosa non chiusa tra le mura del monastero secondo le regole del tempo, ma dedita al servizio e all'evangelizzazione soprattutto dei più poveri. Questo progetto chiamato dal fondatore "Piccolo Disegno", è caratterizzato dallo spirito di piccolezza, semplicità, umiltà, amore senza limiti e abbraccia qualsiasi opera di misericordia compatibile alla condizione femminile al numero delle suore. Nella attività apostolica, sostenuta fin dagli inizi dalla collaborazione dei laici, le Suore di San Giuseppe cercano ovunque e sempre di favorire e sviluppare la "comunione". La congregazione si espande rapidamente, grazie all'appoggio autorevole e all'interesse paterno di monsignor De Maupas, vescovo di Le Puy, che ne approva le Costituzioni dettate da padre Médaille.

Gli edifici dell'Istituto Maria Immacolata: dal 1933 al 1959

L'8 aprile 1933 la superiora suor Lina Sacco comunica al vescovo di Pinerolo, Gaudenzio Binaschi, l'esigenza di sdoppiare la numerosa famiglia di suore e convittrici di Casa Madre. Il vescovo autorizza l'acquisto della Villa Berard e quindi l'apertura della nuova sede per il convitto (Villa Berard viene acquistata al prezzo di lire127.000 il 10 aprile 1933).

Il 16 gennaio 1934 l'Istituto delle Suore di San Giuseppe è autorizzato ad acquistare i due appezzamenti confinanti con la villa e indispensabili per un primo ampliamento (le spese per la costruzione vengono sostenute anche grazie ad un prestito di lire 400.000 della Curia diocesana di Pinerolo). La direzione dei lavori viene affidata al progettista ing. Emilio Giay. Il 3 settembre 1936 si comincia ad accogliere le convittrici che frequentano vari corsi delle scuole pubbliche cittadine. Nel dicembre 1955 viene inaugurata la palestra dell'Istituto, dopo circa dieci mesi di lavoro assiduo. Nel 1959 l'Istituto si amplia per la seconda volta con la costruzione della nuova ala, così da far fronte alle esigenze dei suoi corsi di scuole e si adegua alle nuove norme dell'edilizia scolastica.

Evoluzione dell'attività educativa

Nel 1936 l'Istituto viene aperto alle convittrici che frequentano i corsi in città e i corsi presso l'Istituto stesso. Più tardi, durante il conflitto mondiale (1941 - 1944), l'edificio viene requisito dalla Provincia e trasformato in ospedale territoriale.
Alla fine della guerra, chiuso l'ospedale, nell'edificio ristrutturato si trasferiscono:

  • l'Avviamento Professionale di tipo Commerciale
  • il biennio della Scuola Tecnica

e continua il funzionamento della scuola media San Giuseppe trasformata in scuola media unificata Maria Immacolata nel 1964.
Nel 1946 l'Autorità Provinciale autorizza l'apertura della prima classe dell' Istituto Magistrale che verrà riconosciuto dal Ministero della Pubblica Istruzione con D.M. 15/06/51.
L'apertura di tale scuola è sollecitata dal vescovo Gaudenzio Binaschi.
A partire dal 1974 l'Istituto Magistrale si trasforma in maxi-sperimentazione:

  • Liceo Pedagogico e Linguistico D.M. 25/09/74
  • Liceo Scientifico D.M. 25/09/76

e successivamente in:

  • Liceo Linguistico-Aziendale D.M. 27/02/96
  • Liceo Pedagogico-Artistico D.M. 06/03/98

Il corso biennale della Scuola Tecnica si trasforma nel 1961 in Istituto Professionale per Addetti alla Segreteria d'azienda (triennale) che continua fino al 1994.
Nel 1994 ha inizio l'attività dell'A.I.FO.P (Associazione Italiana Formazione Professionale onlus) con corsi regionali gratuiti per giovani e adulti.
Le scuole dell'Istituto Maria Immacolata sono riconosciute "paritarie" con D.M. 28/02/2001.

A partire dall’anno 2010/2011 il percorso scolastico, a seguito del riordino ministeriale degli indirizzi di studio liceali, il percorso si articola in tre indirizzi:

  • Liceo Linguistico
  • Liceo Scientifico
  • Liceo delle Scienze Umane opzione economico-sociale

A partire dall’anno scolastico 2015/2016 prende avvio, fra i primi nel contesto piemontese, un indirizzo di Liceo scientifico sportivo